Lea Pellegrino 03 giugno 2011


Il doppio licenziamento


Giusta causa e giustificato motivo


E’ valido e/o efficacia licenziare il lavoratore più di una volta?

Può essere considerato validio e/o efficace il secondo recesso in caso di inefficacia o nullità del primo.

La sentenza n. 1244/2011, pronunciata dalla Cassazione sul tema del licenziamento, ha dato risposta ai suddetti quesiti esprimendosi e decidendo che, il datore di lavoro, che ha già intimato il licenziamento per giusta causa o giustificato motivo, può comunicare al lavoratore un secondo licenziamento, fondato su una diversa causa o motivo; tuttavia, il secondo recesso produrrà effetti solo nel caso in cui il giudice accerti l’illegittimità del primo licenziamento comunicato dal datore di lavoro.

Infatti, il recesso datoriale illegittimo non è idoneo a estinguere definitivamente il rapporto di lavoro nel momento in cui è stato comunicato, determinando solo la sospensione della prestazione lavorativa. Fino al momento in cui non è emesso dal giudice un provvedimento di reintegra, che ripristini la situazione quo ante il licenziamento, è privo di validità il nuovo provvedimento datoriale di recesso che si fondi sui medesimi motivi che hanno determinato il datore di lavoro a irrogare il primo licenziamento.

La continuità e la permanenza del rapporto  invece, l’irrogazione di un secondo licenziamento per giusta causa o giustificato motivo, ove basato su una nuova e diversa ragione giustificatrice, dal quale solamente, in mancanza di tempestiva impugnazione, deriverà l’effetto estintivo del rapporto.




Articoli correlati





Commenta l'articolo

*