Lea Pellegrino 06 febbraio 2013


Legge n. 18 del 26 gennaio 1983


Obbligo da parte di derminate categorie di contribuenti dell'imposta sul valore aggiunto di rilasciare uno scontrino fiscale mediante l'uso di speciali registratori di cassa.


art. 1
Rilascio dello scontrino fiscale adempimenti


Per le cessioni di beni effettuate in locali aperti al pubblico o in spacci
interni, per le quali non e’ obbligatoria l’emissione della fattura, e per
le somministrazioni in pubblici esercizi di alimenti e bevande non soggette
all’obbligo del rilascio della ricevuta fiscale, e’ stabilito l’obbligo di
rilasciare apposito scontrino fiscale mediante l’uso esclusivo di speciali
registratori di cassa o terminali elettronici, o di idonee bilance
elettroniche munite di stampante.
La disposizione di cui al primo comma non si applica per le cessioni di
tabacchi e di altri beni commercializzati esclusivamente dall’
Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato, di beni mobili iscritti nei pubblici registri, di carburanti e lubrificanti per autotrazione, di
combustibili liquidi sfusi e di giornali quotidiani, libri e periodici, per
le cessioni di prodotti agricoli effettuate dai soggetti di cui all’articolo
2 della legge 9 febbraio 1963, n. 59, nonche’ per le cessioni di beni
risultanti da fatture accompagnatorie o da bolle di accompagnamento.
Con decreti del Ministro delle finanze l’obbligo di cui al primo comma puo’
essere esteso ad altre categorie di contribuenti di cui all’articolo 22 del
decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633, e
successive modificazioni. Con tali decreti il Ministro delle finanze, tenuto
conto delle particolari caratteristiche delle singole categorie, puo’
stabilire che lo scontrino fiscale venga emesso anche con strumenti diversi,
compresa la compilazione manuale. L’obbligo di rilasciare apposito scontrino fiscale mediante l’uso di speciali registratori di cassa o di terminali elettronici o di bilance elettroniche munite di stampante sostituisce quello, eventualmente imposto, del rilascio della ricevuta fiscale.
Nei confronti dei contribuenti di cui ai precedenti commi puo’ esser
altresi’ stabilito l’obbligo di allegare uno scontrino riepilogativo delle
operazioni effettuate in ciascun giorno nonche’ scontrini riepilogativi
periodici, rispettivamente, al registro previsto dall’articolo 24 del
decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633, e
successive modificazioni, e alla dichiarazione annuale dell’imposta sul
valore aggiunto.
Con decreti del Ministro delle finanze sono determinate le caratteristiche
dei registratori di cassa, dei terminali elettronici, delle bilance
elettroniche munite di stampante e degli scontrini di cui al primo comma; le modalita’ ed i termini del loro rilascio, anche in caso di emissione della
fattura, nonche’ i dati da indicare negli scontrini medesimi e negli altri
supporti cartacei dei registratori e le modalita’di trascrizione e
contabilizzazione di tali dati negli stessi documenti; le modalita’ per
l’acquisizione, i controlli e le operazioni di manutenzione dei
registratori, dei terminali elettronici, e delle bilance elettroniche munite
di stampante e quelle per la allegazione, esibizione e conservazione dei
documenti; gli adempimenti manuali sostitutivi indispensabili per il caso di mancato funzionamento dei registratori, dei terminali elettronici e delle
bilance e tutti gli altri adempimenti, anche a carico del fornitore degli
stessi e all’incaricato della loro manutenzione, atti ad assicurare
l’osservanza dell’obbligo indicato nei precedenti commi; le macchine fornite agli utenti dalle ditte autorizzate alla vendita, alla locazione o comunqulla dazione in uso devono essere identiche, anche nei congegni particolari, al modello approvato e depositato presso il Ministero delle finanze e devono comunque offrire assoluta garanzia di perfetto funzionamento.


Pagina: 1 2 3



Articoli correlati





Commenta l'articolo

*